La coppetta mestruale


Di cosa si tratta?

E’ una coppettina disponibile in diversi materiali (silicone anallergico, silicone platinico ed elastomero termoplastico – TPE) che va inserita in vagina durante i giorni di flusso e ha il compito di raccogliere le perdite di sangue mestruale.

E’ un’alternativa sana, pratica, economica ed ecologica al classico assorbente usa-e-getta.

Vantaggi

E’ innegabile la comodità, una volta presa un po’ di confidenza con il metodo. Soprattutto quando si passa molto tempo fuori casa, d’estate in spiaggia e durante l’attività fisica.
Se si è scelta correttamente la coppetta mestruale non si sente, non provoca alcun tipo di fastidio, bruciore o dolore, e non perde, garantendo piena libertà di movimento.

E’ anallergica perché non trattata da sbiancanti o cloro, quindi annullano completamente il rischio di infezioni e di sindrome da shock tossico.

Potendo riutilizzare più e più volte la vostra coppetta potrete dire finalmente addio a pacchetti di assorbenti in giro per casa o nella borsa riducendo l’impatto ambientale e garantendo un risparmio economico non indifferente: può durare fino a 10 anni senza rovinarsi.

coppetta mestruale

Come scegliere la coppetta giusta?

Non tutte le coppette sono uguali, come del resto non lo sono le donne che le indossano.
Scegliere una coppetta sbagliata può portare a notevoli fastidi e disagi con il conseguente rischio di non riuscire ad utilizzarla.

Non è inoltre sempre adatta a tutte le donne, nonostante si scelga quella più giusta. Per questo motivo va sempre fatta una valutazione ostetrica prima di comprarla.

In questa occasione viene fatta un’anamnesi accurata, una valutazione del pavimento pelvico e successivamente viene fatta una scelta insieme in base alle esigenze, agli stili di vita e alle caratteristiche specifiche della paziente (tipologia di flusso mestruale, gravidanze e parti).

Come si usa?

La coppetta mestruale va inserita in vagina il primo giorno di ciclo previa sterilizzazione (con un pentolino di acqua bollente o con altri metodi più moderni e veloci proposti dalle diverse case produttrici); la si tiene in sede per 6-8 ore, massimo 12, la si rimuove, la si svuota, la si lava e la si reinserisce in sede.

Una volta conclusa la mestruazione va sterilizzata nuovamente per poi riporla nella scatola/sacchettino fino al ciclo successivo.


Articoli: