Halloween in sicurezza per tutti!


 halloweeninst

Anche in Italia la festa di Halloween è ormai diventata una tradizione: dal pomeriggio del 31 ottobre, gruppi di bambini e ragazzi sono impegnati nel rituale del “dolcetto o scherzetto” mascherati e truccati più che a carnevale…!

Per viverla al massimo del divertimento, senza fastidiose conseguenza per la salute, ecco qualche consiglio dalla dottoressa Francesca Ferrante, Pediatra del Centro Medico Andromeda.

Occhio ai dolcetti!

Evitare l’eccessiva assunzione di dolciumi e fare attenzione ai possibili allergeni in essi contenuti (in particolare: arachidi, noci, latte, uovo).

Non accettare cibi preparati da persone sconosciute.

Per i più piccoli: attenzione al rischio soffocamento con dolcetti di piccole dimensioni, gomme da masticare, caramelle dure o piccoli giochi eventualmente contenuti nei sacchetti.

Vestiti e maschere

Controllare che siano prodotti conformi agli standard di sicurezza, altrimenti il rischio è di far indossare ai bimbi costumi di materiale infiammabile o addirittura nocivo per inalazione, oltre che irritante per le mucose, le vie respiratorie superiori, gli occhi e la cute.

In caso di bambino allergico a polvere o pelo di animali, fare attenzione ai costumi affittati: sarebbe meglio un pre-lavaggio. è consigliabile che i bambini indossino sotto il costume una maglietta in cotone bianco a maniche lunghe che faccia da barriera.

Attenzione alle maschere sul viso: potrebbero limitare la vista del bambino con le conseguenze del caso.

Trucco e parrucco

Testare sempre i cosmetici in piccole aree della pelle prima di usarli diffusamente, per verificarne la tolleranza. Per essere più sicuri, orientarsi su quelli di origine o per uso alimentare. Struccarsi sempre prima di andare a letto.

Stesse accortezze sono da seguire nel caso dei prodotti per i capelli.

Per i teenagers: attenzione alle lenti a contatto colorate, soprattutto se acquistate in negozi di scherzi o su web, spesso senza istruzioni adeguate per l’uso. Errate manovre di applicazione o rimozione possono provocare infezioni e anche danni involontari all’occhio.


Articoli correlati: